Club Spider Alfa Romeo

 

Alfa Spider

 

  

Alfa Romeo 308

1938

 

Progettista Gioacchino Colombo che prosegue l'opera di Jano

 

   

Nel 1938 l'Alfa Romeo ripristina il reparto corse, sempre sotto la guida di Enzo Ferrari, ma non più con le insegna della scuderia del cavallino rampante ma con quelle ufficiali (il quadrifoglio verde) con sede al Portello.  

Viene subito creata la 308 per adeguarsi ai nuovi regolamenti (che ammettono cilindrate fino a 3000) con un motore di 8 cilindri in linea di derivazione del 2900cc, corsa 100mm alesaggio portato da 68 a 69 mm aumentando la cilindrata fino a 2991 cc , sviluppa una potenza di 295 cv , 2 carburatori verticali weber doppio compressore, cambio manuale a quattro marce, peso 880 kg, velocità massima 275 km/h, freni a tamburo. Sospensioni anteriori con ammortizzatori indipendenti, molle elicoidali, balestra trasversale. Sospensioni posteriori con ammortizzatori telescopici trasversali. Carrozzeria sostenuta da una struttura tubolare.

Furono costruite quattro vetture che non ebbero vita facile in Europa ma si riscattarono nei GP a formula libera del sud America.

 

   

Per cercare di ottimizzare la distribuzione dei pesi in questa vettura fu ideato un nuovo serbatoio carburante posto a cavallo sopra i piedi del pilota. La rottura proprio di questo serbatoio costrinse al ritiro Nuvolari dalle prove ufficiali del gran premio di Pau in Francia nel 1938. Il carburante si incendiò e la vettura fu distrutta nell'incendio. Questa fu l'ultima volta e l'ultima vettura Alfa Romeo che  il grande campione guidò.

 

 

   

Con una 308 nel 1938 Pintacuda vinse il Gran Premio di Rio de Janeiro

 

 

   

Nel 1938 Vittorio Belmondo gareggiò in Italia con una 308, nella Coppa Ciano arrivando quarto, nella coppa Acerbo arrivando terzo e al GP di Monza

 

 

 

Una "308" fu acquistata in Argentina, ebbe vari proprietari e gareggiò in diverse occasioni. Questa vettura con la carrozzeria  50017 aveva il motore della tipo C di 3822cc con una potenza totale di 330 cv (vedi la scheda della 8C 35) alla fine fu acquisita dal Automovil Club Argentino e attualmente conservata nel museo di Manuel Fangio.

 

 

   

Nel 1946 Jan Pierre Wimille gareggia in Francia con una 308 conquistando la vittoria nella coppa De la Resistance, nel GP di Roussilon e nel GP di Bourgogne

Nel 1947 Achille Varzi gareggia con una 308 in Sud America, nella coppa Juan Peron a Buenos Aires (secondo), coppa Eva Peron, GP di Rosario (primo), GP di San Paolo (primo) e GP di Rio de Janeiro

 

   

Vettura con la quale Galvez vinse il GP Eva Peron nel 1949 conservata nel Museo di Manuel Fangio

 

 

   

Nel 1949 Oscar Gálvez gareggia nel gran premio Eva Peron arrivando primo .

 

 

 

 

 

home
home page