Club Spider Alfa Romeo

 

La storia della spider

 

ALFA ROMEO TIPO C 8C - 35

1935

 

Sempre alla ricerca di maggior potenza, scartate le astruse Bimotori, l'incremento di cilindrata prosegue inesorabile

 

   

Motore di derivazione della P3 con 8 cilindri in linea di 3822 cc sovralimentato di 330 cv . Alesaggio portato a  78mm mentre la corsa continua a rimanere invariata di 100. Finché è possibile si mantiene la distanza fra i pistoni utilizzando lo stesso albero motore allargando al massimo la dimensione dei pistoni. Per una maggiore alesaggio si arriva a dover allungare il motore con un albero motore più lungo, ma la corsa rimane invariata perché più complicato sarebbe rifare colli d'oca più ampi per aumentare anche la corsa

Rispetto alla P3, il motore ha gli scarichi sulla sinistra, ed esternamente all'altezza del posto di guida un radiatore per il raffreddamento dell'olio fatto con una struttura tubolare cava. Furono costruite 6 vetture per la scuderia ufficiale Ferrari e altre quattro per privati. Sospensioni indipendenti sulle quattro ruote.

Tutta la macchina continua ad essere molto alta, si ha l'impressione che il posto guida sia ancora più alto rispetto al "tipo b" ma l'altezza della seduta del posto di guida era condizionata dall'asse motore che passava al centro dell'abitacolo, pur tuttavia compaiono i primi segni di una ricerca aerodinamica con l'inclinazione del radiatore e la copertura delle sospensioni anteriori

 

In mezzo ai pedali passano i comandi del cambio con la leva arretrata e sulla sinistra. L'asse motore passa sotto la pedana

radiatore olio

Sospensioni a quadrilatero con molle concentriche e ammortizzatore (la trazione è posteriore)

 

 

1935 Brivio tipoC

 

1935 Nuvolari Tipo C

 

 

 

 

home
home page