home page

Club Spider Alfa Romeo

home page

La storia della spider

 

 Alfa Romeo "Monza" 8C 2600 Scuderia Ferrari

1932

fanali rovesciati per maggiore areodinamicità

 

 

 1932 -1938

Nel 1932 l'IRI (Istituto Statale per la Ricostruzione Industriale) che aveva rilevato l'Alfa Romeo giudicò non interessante mantenere il settore corse già brillantemente diretto da Enzo Ferrari e all'attivo numerose vittorie in ogni gara. Ferrari ottenne la gestione di tutta la parte agonistica sotto il marchio della sua scuderia con il cavallino rampante (fondata dal 1929). Fu così che dal 1932 al 1938 le Alfa Romeo lasciarono lo scudetto del quadrifoglio verde e corsero con lo scudetto del cavallino rampante. .

Ferrari - Varzi

Enzo Ferrari, in piedi, dialoga con Varzi alla guida di un'Alfa Romeo monoposto P3
con una targa "prova" della provincia di Modena - MO 28 -

 

La scuderia Ferrari aveva già allora il simbolo del cavallino rampante , ed è correttamente storico vedere queste Alfa Romeo con questo scudetto.

Motore 8 cilindri con distribuzione al centro

Il motore 8 cilindri in linea  di 2600 cc è di derivazione dal 8c 2300 che era costruito con due blocchi motori da 4 cilindri ognuno. La distribuzione per gli assi a camme era in mezzo fra i blocchi. Il motore 8C 2300 aveva gli stessi pistoni della 6C 1750 di 65mm di alesaggio e 88mm di corsa. La scuderia Ferrari aumentò la larghezza del pistone fino al massimo possibile 68mm ottenendo una cilindrata complessiva di 2600. La sovralimentazione è realizzata con una turbina azionata dai gas di scarico e per poterla meglio posizionare il motore è stato girato e presenta lo scarico sulla destra. all'uscita della turbina lo scarico passa davanti al motore e prosegue sulla sinistra

Il blocco motore è in lega leggera, così la tastata con due valvole per cilindro comandate da due alberi a gamme in testa Il problema di avere lunghi alberi a gamme (per comandare otto cilindri) con possibili effetti torsionali, era stato brillantemente superato inserendo il comando degli alberi a gamme in mezzo ai due blocchi motori a quattro cilindri. La trasmissione fu realizzata con una cascata di ingranaggi che comandavano anche tutti gli accessori, pompe acqua e olio, dinamo e avviamento, tutti compattati e senza catene di distribuzione. Era il miglior motore mai costruito fino allora, bello anche esteticamente

 

 

 

 

telaio n°813392

L'Alfa Romeo tipo "Monza" si può trovare sia con il motore 8C 2300 sia con il motore 8c 2600

 

Modello stradale 8C 2600 Grand Tour (1:18 Burago)

 

 

 

 

  info@spideralfaromeo.it  

home page
Home page