Paprika

La mia Spider Alfa Romeo

Gli optional di Paprika


Una decisione sofferta


Salve a tutti, mi chiamo Marco e vi racconto la mia esperienza.
La decisione di comprare una spider è stata molto sofferta. Emotivamente ero attratto da questa scelta, ma il mio lato razionale la sconsigliava. Troppi erano i fattori negativi: assenza di bagagliaio, impossibilità di trasportare una terza persona, la necessità di ricovero in garage. Fortunatamente ho accantonato la logica e mi sono lasciato trasportare dal cuore. Evidentemente una spider non può essere l'unica macchina posseduta, devi lasciare ad una seconda macchina il lavoro di tutti i giorni e godere di quello che ti può dare un'auto scoperta appena ne vale la pena. Perché uno sballo di Spider Alfa Romeo? la motivazione finale è una sola: mi piace!

Una ricerca minuziosa

Castelnuovo Magra Non avevo un budget sufficiente e, invece di impelagarmi con leasing o finanziamenti, ho optato per un usato garantito. La ricerca è durata qualche mese in tutta l'Italia, tempo che mi ha permesso di acculturarmi su tutto il mondo delle scoperte.

Caratteristiche

2.0i T.S. 16V L Un vero appassionato mi aveva elogiato le caratteristiche della 2.0 turbo. Avere più di 200 cavalli sotto il cofano è un'esperienza emozionante ma bisogna fare anche i conti con il portafoglio. Il bollo e l'assicurazione sono due belle stangate, anche se arrivano una volta all'anno, e i consumi sono alle stelle. Se sei continuamente al distributore a fare il pieno, ti passa anche la voglia di usarla e, passati i primi entusiasmi, rischi di rivenderla. Stesso discorso per la 3.0i. La 1,8i è un po' meno potente, forse si potrebbe anche sopportare qualche cavallo in meno, ma è stata commercializzata solo con allestimento base, e se anche avesse qualche optional, la capote elettrica manca di sicuro

 

Rossa corsa FER.322: avevo sempre sognato di possedere una macchina rossa degna di sopportare questo colore. La colorazione di una vettura è molto importante. Il colore della Lancia Tema era il "canna di fucile", cosi come per un CLS è d'obbligo un argento metallizzato e per un TT il nero. Sbagliare colore è un peccato, una Mercedes classe 5 rossa ti fa pensare a mille aggettivi tranne all'elegante. Colori "sbarazzini" come il verde acido lo vedo al massimo su una Fiat Barchetta. Su Paprika il rosso corsa ci sta proprio bene. Penso che le manifestazioni di ammirazione che ricevo, in grande percentuale siano dovute proprio alla colorazione così fiammante. 

La linea della spider è molto bella e su Paprika il colore esalta le forme.  Lo spoiler anteriore, la targa abbassata, abbassano la linea anteriore. Gli specchietti laterali colorati di rosso hanno una linea armoniosa, non sono oggetti appiccicati sui fianchi, ma, inseriti nelle linee della macchina e facenti parte della struttura,  portando a leggere la larghezza dell'auto come l'ingombro totale compreso gli specchietti. La colorazione nera del bordo superiore del parabrezza  non sottolinea questa zona rendendola impercettibile, l'occhio è attratto dalla massa rossa sottostante e tutta la macchina già bassa di progetto appare ancora più bassa e larga.

Capote elettrica: la capote manuale è troppo spartana e si rischia di aprire il tetto una volta in meno o di lasciare la macchina posteggiata aperta. Niente di tutto questo: voglio fermarmi davanti alla "Capannina" e chiudere il tetto premendo un tasto con un dito.

Capote elettrica  Capote elettrica  Capote elettrica  Capote elettrica

L'azionamento idraulico con comando elettrico è importante, mi permetto di aprire anche per brevi tratti ed effettuo l'operazione di apertura e chiusura elettrica con aria da spaccone. Scusate ma mi diverto così. Lo stesso pulsante serve per l'apertura e la chiusura. Il meccanismo funziona con chiave inserita, e viene consigliato il motore acceso, ma, per sicurezza, si attiva solo con il freno a mano tirato, e se inavvertitamente si schiaccia il pulsante con la macchina in movimento non succede nulla. L'operazione dura 40 secondi. La capote viene alloggiata  in un apposito vano fra l'abitacolo e il  bagagliaio coperto da un apposito fascione che viene sollevato e ribassato ad ogni operazione. La capote viene alloggiata ripiegata, ma purtroppo viene piegato anche il trasparente del lunotto posteriore che è in plastica. L'Alfa sconsiglia una lunga conservazione con capote aperta o riporre la capote bagnata o ghiacciata . L'operazione di apertura e chiusura non è completamente automatica, è necessario intervenire manualmente per aprire e chiudere  due ganci anteriori indipendenti. Per questo motivo il dispositivo non è trasferibile su telecomando (Porsche). Il trasparente è sostituibile separatamente dalla capote. Porto Venere

Interni in pelle: la goduria deve essere totale, e bisogna anche essere sicuri che due gocce di pioggia non rovinino la tappezzeria.

Bocca di Magra

Condizionatore: Un lungo viaggio in autostrada, come quelli che si fanno d'estate sotto il sole cocente, può richiedere la capote chiusa e l'aria condizionata. A chi sostiene che il condizionatore è inutile su una spider, gli faccio conoscere mia suocera che pensa che la pentola a pressione, il microonde, e il minipinner sono tutte diavolerie inutili, sono sicuro che andranno d'accordo. Ho installato un termometro temperatura esterna e ho scoperto di seguire queste regole: apro appena segna almeno 20 gradi, ma chiudo quando supera i 35 (e attacco il condizionatore).

 

Ruote in lega: i cerchi in acciaio montano gomme da 15 pollici con coppe ruota in plastica. Questi pezzi di plastica sono osceni, al primo marciapiede si rompono e si perdono, e non è certo l'ideale superare i 200 all'ora con queste cose. Per sostituirli successivamente devi cambiare cerchi e pneumatici.

Punta Bianca

Cerchioni in lega da 17"  danno un assetto e un aspetto alla macchina davvero forte. E' probabile che mi farò convincere a montarli ...per ora incominciamo così.
 

Vista e presa!

Castello di Malaspina Massa Dopo lunga ricerca, scegliendo fra una dozzina di proposte, ho finalmente trovato l'auto che cercavo: non le mancava niente compreso un basso chilometraggio, motore perfetto, non incidentata, interni non rovinati, tranne una cosa, una sola fra quelle sopra elencate: il colore.

Tuttavia non ho avuto dubbi, l'ho comprata al volo lasciando il venditore anche un po' meravigliato della mia determinazione. Avrei dovuto intervenire successivamente per ovviare alla mancanza del colore ma fatti due conti pitturare una macchina non costa di più che installare un condizionatore, ma molto meno che nuovi sedili in pelle o addirittura una capote elettrica. Questa soluzione in fondo l' ho cercata, perché l'Alfa Romeo adotta il colore "rosso alfa" (colore 130) che è un po' troppo scuro. Io desideravo un rosso più brillante come quello "rosso corse" adottato dall'Alfa negli anni ottanta. Se avessi comprato un'auto già rossa, forse non avrei speso soldi per variare di poco la tonalità, ma partire da un'altro colore mi ha evitato ogni dubbio. Con questa ripitturazione mi sono ritrovato un'auto con la carrozzeria perfetta ma non "originale", e, visto che mi ero imbarcato su questa strada, l' ho percorsa fino in fondo per renderla esclusiva.

Un po' di tuning

Spoiler CadamuroSpoiler anteriore: Ci sono varie ditte che propongono elaborazioni estetiche. Cadamuro http://www.cadamurodesign.it/ commercializza un vistoso allestimento globale per il GTV/Spider. Ho acquistato via internet e installato il solo "spoiler anteriore sottoparaurti" .

Pineta PartacciaL'installazione non richiede alcuna modifica perché viene fissato sopra la struttura originale. Non necessita approvazioni e revisioni in quanto non modifica le dimensioni esterne della macchina ne attua alcuna modifica funzionale (la ditta rilascia una dichiarazione con questo contenuto). Dopo aver verificato l'estetica, dopo un anno dal montaggio, ho tolto la riserva sulla possibile rimozione dello spoiler Cadamuro e mi sono deciso a praticare i fori sul paraurti sottostante in corrispondenza delle bocchette di aspirazione laterale. Avevo timore che dessero una sensazione di vuoto ma fortunatamente, in corrispondenza del bordo inferiore delle aperture, il paraurti sottostante piega decisamente verso il fondo della vettura e, visto dal foro praticato sembra un condotto per l'aria appositamente costruito.

Interni LegnoformCruscotto: L'allestimento normale prevede il cruscotto e le portiere parte in plastica e parte in pelle nera (i sedili sono tutti in pelle). Elegante ma un po' monotono. Dopo varie ricerche ho trovato la maniera di ravvivarlo con i kit di abbellimento per interni. Le ditte che producono kit, specifici per la GTV Alfa Romeo, sono la "Manufactured superior desing" http://www.msd-germany.de/ ditta tedesca che produce interni in radica e colorati per il GTV ( sia il modello iniziale che quello post 98), e l'italiana Legnoform http://www.legnoformitaly.com/ . Mi sono lasciato attirare dal prezzo e ho comprato da quest'ultima anche se forniva il kit solo in legno. Ho inviato l'ordine via internet e ho pagato meno della metà rispetto al prezzo dichiarato da un'autoaccessori. Il kit comprende 6 pezzi : N2 basi per pulsantiere a lato del contachilometri, N°2 basi per pulsantiere alza cristalli sulle portiere, una cornice per il pannello centrale, una cornice per il pannello cambio e portacenere. Ho installato tutti i pezzi dopo averli fatti pitturare in rosso come la carrozzeria (nessuno sa che sotto è legno). Paprika-style: è il nome che ho dato all'allestimento 'interno che risulta molto personalizzato.

PaprikaPaprika La mia macchina non si chiama più "spider" o "Alfa spider" o "2.0 iniezione Twin Spark 16 valvole Lusso". Il nome è stato scelto da un consulto in famiglia ed e stata definitivamente nominata "Paprika". Sul lato destro della plancia é stata applicata la scritta "PapriKa". Scritta realizzata su plastica nera con solo la scritta in rilievo senza sostegno. Chi mi conosce sa che la chiamo per nome. Le scritte originali sul cofano posteriore "Twin Spark 16V " e "Spider" sono state rimosse.

Frontale a puntaTarga: Nelle fotografie, sui depliant, e sul materiale pubblicitario ufficiale della casa si nota che questa macchina viene sempre ripresa senza targa anteriore. In effetti il frontale leggermente a punta viene deturpato dal porta-targa e la targa stessa viene un po' piegata per seguire (non completamente) l'andamento del frontale. In un primo tempo avevo pensato di aver trovato la soluzione facendo costruire una targa su un adesivo da incollare direttamente sul paraurti in posizione laterale. Tuttavia anche questa soluzione non appagava l'occhio, e allora ho costruito una staffa per fissare la targa in posizione centrale, diritta, ma sotto il fascione paraurti davanti alla presa d'aria, in simmetria con la targa posteriore posizionata sotto il fascione di massima sporgenza . La targa è fissata solo superiormente e lascia sufficiente spazio per il flusso d'aria sul bordo inferiore. IL frontale a punta della macchina è così in piena evidenza e l'estetica è di gran lunga migliorata. Ovviamente ho provveduto a richiedere nuove targhe, una spesa aggiuntiva, ma in questa maniera l'auto rinnega totalmente il vecchio trascorso e rinasce a nuova vita.

Il Sagro visto da Marina di CarraraStereo: Di serie sono installati 5 altoparlanti: 2 per alte frequenze (tweeter) + 2 per medie frequenze (midrange) sulle portiere e 1 altoparlante per i bassi (subwoofer) posto centralmente nel vano porta oggetti dietro i sedili. Di serie è anche l'antenna telescopica elettrica e i soppressori antidisturbo . Ho provveduto ad installare una radio da 40+40 watt con frontale estraibile e mangiacassette, e un lettore CD con caricatore plurimo installato nel cassonetto dietro i sedili. La radio è un po' troppo complicata, mentre guidi non riesci a sfruttarne tutte le potenzialità, ma posso ascoltare al meglio buona musica che, quando la macchina è aperta, si diffonde e coinvolge tutti.

Xeno: Ho montato lampade più bianche che assomigliano allo xeno. Non c'è un grande risultato. Prossimamente...

Pedaliera: Ho provveduto a montare una pedaliera in alluminio rosso con gommini neri (sostituibili) di tipo "rally" con il pedale dell'acceleratore allungato a sinistra per facilitare la manovra punta-tacco e in più la piastra poggiapiede sinistro.

Un tetto e un telo
Il Sagro visto da FivizzanoNon c'è altra possibilità: se vuoi conservare una spider la devi tenere al coperto. Per Paprika sto costruendo, in giardino, una tettoia molto semplice e il vicino di casa, finora, non si lamenta perché gli ho fatto vedere che è una specie di gazebo tutto smontabile. Un mio amico saldatore mi aiuta a costruire la struttura in scatolato zincato e la copertura è realizzata in telo plastificato con anelli fissata con cima di naylon bianca. Semplice e anche elegante da vedere.
Oltre alla tettoia è necessario anche un telo copri-auto perché mi capita spesso di stare "in giro", e se non trovo un garage non mi allarmo, sotto un bel telo da pioggia traspirante Paprika sta meglio che nelle mani di un garagista.
L'Alfa Romeo produce un magnifico telo rosso fatto su misura con gli specchietti laterali sagomati. Mi ricordo di aver visto, una volta, una Ferrari protetta da un telo rosso sagomato a pennello: era ancora più bella che nuda. Questo telo però ha un difetto: è solo da interni e si rovina con l'acqua. E' un bellissimo, inutile, caro, optional che sono tentato di comprare ma ho tanta paura che mia moglie, di ripicca, prenda la scusa per comprarsi ben più cari "rivestimenti".

 

Navigatore satellitare Geosat  
La macchina è sostanzialmente neutra, non si deve anticipare la sterzata e il posteriore non tende ad allargare: tutta la macchina esegue fedelmente la traiettoria impostata. La
Velocità massimasensazione è molto piacevole, senti la macchina tua, facile e sicura sia sui stretti tornanti di montagna sia su curve veloci in autostrada. Un po' più impegnative sono le curve sullo sconnesso, è opportuno prendere la mano con le sospensioni che interpretano i dislivelli in maniera molto spigolosa. Se spingi va via che è un piacere, salendo di velocità ti sorprende nello scoprire quanto ancora ha il motore da darti. Il navigatore satellitare è un portento, ti da una grande tranquillità perché sa sempre dove si trova e la direzione migliore per raggiungere la destinazione. M è anche una scatola nera e registra tutto con precisione, la velocità istantanea, il tempo di percorrenza e ... la velocità massima raggiunta (certificata e precisa!)

PS I mie 20 punti sulla patente (ma quand'è che c'è il bonus di 2 punti?) certificano che sono un ... guidatore provetto!

Visualizza lo schema delle dotazioni di serie, lusso e gli optional di Paprika.

 

Un saluto a tutti

Sant Tropez giu 2002


Spero che la piacevole fatica della pubblicazione di questa mia storia abbia contribuito a far prendere la decisione di acquistare una spider, se poi Alfa tanto meglio. Mi piacerebbe conoscere le vostre storie!
Se avete una spider o pensate di acquistarla, scrivetemi
spideralfaromeo@libero.it

 

 

Gli optional di Paprika

 

 

La storia della Spider Alfa - La Storia del logo - Duetto - alfa spider (GTV)

Soci - Forum - Links - Scrivici